14 Soluzioni per liberarsi dalla rabbia

Come sfogare la rabbia

La rabbia è un’emozione ad alta riprovazione sociale, da “grandi” ci sentiamo in colpa quando siamo arrabbiati. Non sta bene essere arrabbiati vero?…

 

Altre volte invece, la rabbia ed il rancore per un torto subito possono veramente rovinarci la vita… Possiamo però riconoscerla in noi ed imparare a liberarcene per vivere bene. Ecco 14 idee, una mappa mentale ed un ebook in omaggio per garantirci un futuro più sereno.

Ero arrabbiato con il mio amico, gli dissi della mia rabbia, la rabbia sparì. Ero arrabbiato con il mio nemico Non gli dissi della mia rabbia, la mia rabbia aumentò. William Blake

shadow-ornament

Da Wikipedia

Il neonato evidenzia tre emozioni fondamentali che vengono definite “innate”: paura, amore, ira.
Entro i primi cinque anni di vita manifesta altre emozioni fondamentali quali vergogna, ansia, gelosia, invidia.
L’evoluzione delle emozioni consente al bambino di comprendere la differenza tra il mondo interno ed esterno, oltre a conoscere meglio se stesso.

Dopo il sesto anno di età, il bambino è capace di mascherare le sue emozioni e di manifestare quelle che si aspettano gli altri da lui. A questo punto dello sviluppo il bambino deve imparare a controllare le emozioni, soprattutto quelle ritenute socialmente non convenienti, senza per questo indurre condizioni di disagio psicofisico…..

 

Ecco il messaggio che si nasconde dietro la rabbia: Una tua regola o una tua convinzione importante, è stata violata da te o da qualcun altro.

 

L’emozione della rabbia è data da un’abitudine della mente (che ripete sempre gli stessi percorsi) e che in origine non è ne positiva ne negativa, è un emozione giusta per difendersi dalle avversità del momento ma negativa quando si manifesta spesso facendoci soffrire a lungo.

E’ un atteggiamento primordiale sebbene le occasioni per difendersi dagli aggressori oggi siano ben diverse da allora. Merita di essere notata in noi per non essere limitati nella vita dalle ripercussioni di un passato difficile e sofferente che ci fa reagire nello stesso modo.

La rabbia protratta nel tempo è la peggiore perché trascina con se una serie di conseguenze che portano stati di sofferenza continua, a situazioni negative e perfino all’isolamento. Si tende a reagire a tutto in modo distante da qualsiasi controllo personale. Questo, le ricerche confermano che oltre al ripetersi di situazioni negative, porta anche a sintomi concreti che possono sfoggiare in malattie di diverse entità. La rabbia deve essere sfogata.

I primi sintomi di chi non “sbotta” mai:

  •  1. Cefalea pulsante: L’aggressività cerca di uscire martellando il cervello.
  • 2.  Tensione muscolare: I muscoli si controllano per non aggredire.
  • 3.   Bruciori di stomaco: La rabbia inespressa lavora dentro e ci corrode.
  • 4.  Eczema alle mani: Le mani prudono dalla voglia di usarle.
  • 5.   Malattie del fegato: La rabbia si deposita dove nasce l’energia primordiale. da RIZA.IT

bomb-477229_640

Come è possibile riprendere il controllo di sé e garantirsi una vita di qualità?..

Ecco le prime cose che puoi fare se ti accorgi di provare rabbia troppo spesso:

1. Fai Meditazione: trova una pratica giusta per te e mantienila per dei mesi, questo ti aiuterà a controllare tutte le tue emozioni e di conseguenza a gestire anche i pensieri scattanti e ripetitivi… Respira profondamente.

2. Fai una Pausa: Quando sei in una situazione irritante alla quale la tua mente tende a reagire per abitudine, esci di li e fai una pausa, allontanati e respira per un attimo, vai fuori prima del black out mentale, farlo solo dopo un sfogo d’ira sarà molto diverso non credi?…..

3. Sii Assertivo/a: Cerca di stare calmo/a e di trattenerti, come abbiamo già visto, l’impulsività raramente aiuta a vivere meglio e potrai dire le tue ragioni appena sarai in controllo. Discuti del comportamento di una persona e mai della sua identità, le persone sbagliano ma non sono mai sbagliate.

4. Prenditi la tua Responsabilità: Questa è la più efficace ma serve fare pratica, poniti queste domande: Come sto adesso?… Perché devo soffrire?…Cosa vorrei veramente?.. Prendersi la responsabilità vuol dire imparare a rispondere invece che a reagire.

In questo modo hai il potere di cambiare le cose, perché ciò che vedi  e vivi è dato dalle tua  personale percezione delle cose. Impara ad avere controllo di te se vuoi provare meno rabbia e sofferenza. Conosci te stesso – Socrate.

5. Muoviti: Il movimento mantiene vitale sia il corpo sia la mente e scarica dalle ansie accumulate giornalmente. Iscriviti in palestra o fai delle lunghe camminate, in questo modo il corpo suggerirà alla mente cosa pensare e  ne gioverai parecchio in benessere personale.

6. Divertiti: Stai con persone divertenti, guarda dei film o vai a spettacoli comici, stai e gioca con i bambini. Ridere aiuta a stemperare la rabbia e dona sostanze benefiche a tutto il corpo, sorridere migliora il sistema immunitario.

7. Descrivi la tua Rabbia: Non basta immaginare di scrivere una lettera a chi ti ha ferito, serve scriverla per liberare la tua mente da troppe ansie compresse nel tuo sacco. Anche perché la tua mente ha bisogno di leggere, di Vedere ciò che provi per cambiare la tua reazione in una migliore. Scrivi come ti senti, cosa provi, cosa vorresti dalla persona che ti fa soffrire, liberati dalla rabbia cambiando il processo dei tuoi pensieri. La rabbia è una emozione che deve uscire, se repressa è nociva.

 

 

RABBIA: è il regalo che Dio ci ha fatto per poter dire “no grazie”! Se permetti a un bambino di esprimerla e la condividi con lui, diventerà un uomo capace di perdonare.

 Se gli dici che è sbagliato esprimerla o addirittura averla, lo obbligherai a reprimerla. La rabbia repressa diventa “furia selvaggia”. Per la furia selvaggia sono morte persone, sono cominciate guerre, sono cadute nazioni. Max Gavioli

7 tecniche per sfogare la Rabbia:

  • Scaraventa più volte a terra una bottiglia di plastica vuota, fa un gran rumore e nessun danno a persone o cose.
  • Fermati in auto in un posto isolato e grida fuori tutta la rabbia fino a quando non stai meglio.
  • Con la testa in un cuscino grida fuori tutto il risentimento, prendilo a pugni, scarica l’energia negativa.
  • Vai in palestra e prendi a pugni il sacco appeso, non le persone….
  • Prendi una vecchia rivista e strappa le pagine, falle a piccoli pezzi mentre gridi fuori tutta la tua rabbia.
  • Piangi come un/ una  bambino/a senza trattenerti.
  • Giocare aiuta i Bambini a controllare e sfogare la rabbia.
  • Sfogati anche in modo animato con un amico fidato che dopo averti capito ed ascoltato ti porterà alla riflessione.
    shadow-ornament

Se vuoi approfondire maggiormente il tema scarica il libro-ebook Omaggio cliccando sul titolo di seguito:

DALL’ACETO AL MIELE

7 PASSI PER COMPRENDERE E TRASFORMARE LA RABBIA, L’AGGRESSIVITÀ E LA VIOLENZA di Ron Leifer MD

Scarica la Mappa Mentale cliccando sull’immagine oppure  QUI

Anteprima rabbia

Ps:Come puoi notare sono tutte mediamente semplici da mettere in pratica, ma per questo non vuoi dire che non siano efficaci.

Tutt’altro, sono le cose semplici che ci hanno fatto crescere sani, forti e capaci, questi accorgimenti possono realmente darti la serenità e l’autostima di affrontare qualsiasi situazione nel giusto modo, e possono dare agli altri una percezione di te migliore, più controllata, amabile e professionale.

Il mondo intero risponde a come lo tratti.

Articolo aggiornato al 20\12\2018

Stammi al Meglio Ciao Marco

 

Tag: , , , , , , , , , , ,

Condividi questo post con il mondo!

L'autore: Marco

Sono Marco Venturi. Docente, ricercatore e imprenditore online. Su www.latuamappa.com condivido idee e mappe mentali per essere più efficaci, sereni e liberi (sopratutto da se stessi :)  

11 COMMENTI

  1. questi sono dei palliativi,per eliminare la rabbia si deve andare alla radice.
    dallo psicologo

    • Ciao Silvano, la tua considarezione ha del vero e questa soluzione non l’ho voluta trattare apposta per non dare consigli di cui non sono il più adatto visto il tema troppo personale e complesso.
      Ciao Marco

  2. Ciao Marco, sono Giulia e se posso vorrei aggiugere che avere un figlio ed accudirlo meglio che si può porta a riconsiderare le proprie emozioni e stati d’animo e risolve parecchi rancori che diventano superflui.
    Questa è per me la migliore cura.
    Ciao e Grazie comunque X

    • Vero Giulia, avere delle attenzioni diverse e migliori porta a vivere meglio e con maggiore soddisfazione.
      A volte le soluzioni migliori sono sono nella quotidianità…
      Un Abbraccio ciao Marco

  3. di rabbia sono caduti popoli e nazioni, e ne cadranno ancora visto l’egoismo delle persone

    • Speriamo di no stella, speriamo che non continui ad essere l’egoismo a fare da padrone nella vita delle persone
      grazie per il tuo commento ciao Marco

  4. Ciao Marco
    La mappa mentale è bellissima anche se il tema è complicato.
    Il problema a mio parere è far capire alla gente che non aiuta nessuno stare con la rabbia ma avvelena chi la prova solamente.
    Bel Post ciao FRA’

    • Ciao Fra’ confermo la tua opinione e grazie per i complimenti.
      Ho voluto dare delle soluzioni facili da praticare in casi risolvibili al momento,sebbene comprendo che non siano soluzioni attuabili per vecchi e sofferenti rancori.
      Ho imparato che vedere la cosa da più angolature potrebbe venire più utile…Ciao Marco

    • Infatti ricordo un esempio che lessi da qualche parte che diceva grosso modo questo: “Nutrire odio (quindi rabbia, rancore e simili) per qualcuno è come bere del veleno sperando che faccia male alla persona odiata!”
      Ciao da Marco.

      • Giustissimo Marco.
        Tempo permettendo vorrei tornare sul tema e svilupparlo ulteriormente, vedremo….
        Grazie per la tua aggiunta
        A presto ciao Marco

  5. Pingback: Non lasciarti picchiare ancora, ti ha gia persa la prima volta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.