Dislessia- Il Test ed un Gioco formativo per bambini dislessici

Hai dubbi che tuo figlio o figlia soffra di dislessia?

Il test per capirlo ed un gioco su mappa concettuale per divertirvi e crescere insieme.

La percentuale di dislessia nei bambini è aumentata e secondo le ricerche dell’istituto di Ortofonologia di Roma un bambino su 5 ha difficoltà di apprendimento. Non sono un medico, sono un insegnante che negli ultimi anni vede sempre più spesso situazioni difficili da gestire sia da parte di famigliari, sia dalla mancanza di personale specifico nelle scuole nel rispetto di loro. Bambini da aiutare a sentirsi pari agli altri, questo è il compito di noi “genitori”.

I media non aiutano per nulla. Anzi, incoraggiano con servizi ed allarmismo tutti quei sistemi di nuove malattie create per puro lucro da case farmaceutiche che promettono di sedare bambini iperattivi, di curare all’istante patologie che con il tempo si sistemano da sole:

Come?… Con l’amore. Con l’apprezzamento ed il rispetto verso chi (i nostri figli in questo caso) ha bisogno del nostro sostegno ed incoraggiamento.

shadow-ornament

Le cause della dislessia sono ancora ipotetiche e credo ben riassunte in questa grafica da: http://www.saluteme.it/documenti/1186-dislessia-cause-sintomi-e-terapia.html

Cause ipotetiche dela dislessia

I Sintomi sono: da Wikipedia: https://it.wikipedia.org/wiki/Dislessia

La dislessia, nota anche come disturbo della lettura, è una condizione caratterizzata da problemi con la lettura, nonostante chi ne soffra abbia un’intelligenza normale.[1] Diverse persone ne sono colpite in misura diversa;[2] i problemi possono includere difficoltà nella pronuncia delle parole, nella lettura veloce, nella scrittura a mano, nella pronuncia delle parole durante la lettura ad alta voce e nella comprensione di ciò che si legge.[2][3] Spesso queste difficoltà vengono notate inizialmente a scuola.[4] In caso di compromissione totale delle capacità di lettura si parla di alessia[5] o, in lingua inglese, alexia.[2] Le difficoltà sono involontarie e le persone con questo disturbo hanno un normale desiderio di apprendimento.[2]

Per riconoscerla in te o nei tuoi bambini puoi andare su Aid Italia :https://www.aiditalia.org/it/la-dislessia/come-si-riconosce-la-dislessia

Oppure fare il test che ho estratto dalla tesi della Prof.ssa Luisa Cataldi

shadow-ornament

Test

ITEM PER IL RICONOSCIMENTO DI DIFFICOLTÀ NELL’APPRENDIMENTO Tratto da IPDA

(Identificazione Precoce Difficoltà di Apprendimento, 2005)

PUNTEGGIO AGLI ITEM

1: per niente/ mai
2: poco/ a volte
3: abbastanza/il più delle volte
4: molto/sempre
PUNTEGGIO SUFFICIENTE: > 26 punti

  1. Si adegua facilmente alle nuove situazioni.   Punteggio  1  2  3  4
  2. Sa eseguire un’attività senza distrarsi o distrarre.
  3. Segue abitualmente le regole e le istruzioni che gli vengono date.
  4. Comprende le istruzioni a voce.
  5. Ha una buona coordinazione generale dei movimenti.
  6. Ha una buona capacità nei compiti di motricità fine.
  7. Riesce a disegnare la figura umana in cui siano ben riconoscibili la testa, il corpo, le braccia e le gambe.
  8. Sa sfruttare adeguatamente lo spazio del foglio e del quaderno in generale quando disegna o scrive.
  9. Si orienta bene e prontamente nello spazio.
  10. Ha una buona capacità di seguire semplici comandi che implicano relazioni spaziali.

Puoi scaricare in versione integrale da: http://www.bluini.gov.it/attachments/article/651/Tesina%20dislessia.pdf

Se dovessi riconoscere nel tuo bambino atteggiamenti che rivelano difficoltà d’apprendimento non allarmarti e puoi trovare molte informazioni su http://www.dislessia-passodopopasso.it/ da cui ho tratto questa grafica:

Dislessia e difficoltà dell’apprendimento

shadow-ornament

Sulla pagine finali del pdf è altamente consigliato di integrare nell’aiuto della dislessia, sia in famiglia sia in supporto scolastico l’uso di mappe mentali, ovvero quello che condivido da tempo ed in modo costante sul blog e che non interessa solamente i bambini ma tutti noi sopratutto di questi frenetici periodi.

Ho quindi creato una mappa concettuale per darti l’opportunità di usarla sia a scopo didattico in aula e come risorsa per una madre che lascia esprimere il proprio figlio/a nel modo che gli piace di più, sotto forma di gioco.

Il Gioco

Dislessia- Gioco Mappa Concettuale da compilare

Il percorso da seguire è molto semplice, puoi lasciarlo/la fare da solo/a su un tablet o pc oppure stampare la mappa concettuale e lasciarlo/a disegnare, aggiungere nomi di genitori e parenti, di amici ed insegnanti, le preferenze ed altro ancora in totale libertà. Questo gioco (che potete fare assieme)  stimola la sua creatività attraverso domande che portano a collegare entrambi gli emisferi, a mettere insieme più cose e concetti, a fornire maggiore consapevolezza ed identità. In poche parole è un raccoglitore di pensieri, fatti e ricordi che migliora l’autostima di che ne ha davvero un gran bisogno… Siamo quello che ricordiamo e questo è il modo che piace alla mente…

Ps: Presentalo a tuo figlio/a come un gioco, non come una prova….

Dimostriamo che siamo con lui/lei e non ci sarà dislessia, iperattività o difficoltà che tenga. Loro, i bambini saranno sempre con noi se gli diamo apprezzamento, sostegno e modo di esprimersi adesso.

Scarica il pacchetto in formato .Zip contenente la mappa in pdf da stampare ed il file Novamind per apportare le modifiche e per ogni eventualità puoi contattarmi su :marcoventuri2014@gmail.com

Dislessia .zip

SCARICA cliccando sull’immagine

Un Abbraccio ciao Marco

PPS: Condividere questo post verso persone che potrebbero apprezzarlo è il miglior regalo che tu possa ricambiare 🙂

Conosci i segreti della tua mente e come allenarla con le mappe mentali?..
Scarica l’eBook Gratuito Immediatamente sulla tua casella di posta….








Tag: , , , , , ,

Condividi questo post con il mondo!

L'autore: Marco

Sono Marco Venturi. Docente, ricercatore ed imprenditore online, autore del blog www.latuamappa.com sul quale condivido articoli e prodotti, ebook e varie mappe mentali riguardanti il benessere psico-fisico, la crescita personale e professionale.

Obiettivo del sito?..  Allenarci ad essere più felici, realizzati e liberi (sopratutto da noi stessi :)

6 COMMENTI

  1. Bravo marco un bell’articolo, interessanti anche i link verso risorse scolastiche.
    Ben fatto ciao

    • Grazie Maria, è sempre un piacere condividere informazioni che siano apprezzate. Un Abbraccio ciao Marco

  2. Ciao Marco sono Diletta insegnante di sostegno.
    Mi congratulo per la cortesia con cui hai trattato l’argomento e per l’idea della mappa in dotazione, è perfetta per l’identità del bambino.
    La girerò alle altre insegnanti.
    Diletta da Sondrio

    • Grazie a te Diletta
      Era esattamente il motivo per cui ho ideato la mappa concettuale e ti ringrazio per la condivisione. Informandomi sull’utilizzo delle mappe in ambito scolastico ho notato che questo concetto non è menzionato. Credo che, per bambini con difficoltà di apprendimento sia un modo (un gioco) formativo ed utile per la loro personalità. Spero sia tenuto in considerazione anche da genitori ed istituti.
      Grazie ancora ciao Marco

  3. Buonasera Sig. Venturi
    Essendo preside di una scuola elementare di Ancona non posso che farle i complimenti per l’interessante articolo.
    Riguardo le mappe concettuali a scopo didattico potremmo collaborare. Che ne pensa? come posso contattarla?..
    Saluti Maurizio

    • Salve a lei Maurizio e la ringrazio per l’interesse verso quello che condivido.
      Le ho inviato una mail con tutti i contatti.
      A presto Saluti Marco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *